Di fronte al tiranno

C’è gente così ottimista da ritenere che una sfilata in abiti d’attesa possa turbare e anzi rovesciare il tiranno. Quanta speme! Tuttavia il tirannicidio sarà solo evocato, con garbo ed eleganza. Il tirannicidio richiede ardore, e concede in cambio solo terrore. Ma soprattutto richiede un bruto. Ne basta uno – uno che sappia affrontare lo sguardo del tiranno senza nascondersi dietro paraventi, o dietro paramenti. Il tiranno lo sa, e allora guarda torvo, con fiero cipiglio.

sorriso di berlusconi

Talvolta però il tiranno è un omuncolo da quattro soldi. Non ha l’occhio magnetico, non ha la mascella sprezzante, non ha il sopracciglio suadente né il baffo rassicurante. In compenso irradia un volto sorridente. Come sa bene qualsiasi etologo1, il sorriso è tra i più potenti meccanismi inibitori della violenza2. Come capirebbe all’istante qualsiasi astante, puoi odiare il tiranno solo dopo che per anni un rivale te lo mostra così e cosà, ma non puoi ucciderlo: dal vivo ti spiazzerebbe.


Note:
  1. Vedi ad esempio Eibl-Eibesfeldt in Amore e odio.
  2. Assieme al pianto, ma non sarebbe molto virile.
Questa voce è stata pubblicata in www.davidetomasello.it e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.